Rolo

Rolo è caratterizzato da una lunga storia manifatturiera e dall'artigianato del legno intarsiato, tanto da dare origine ai "rolini": pregevoli mobili prodotti tradizionalmente.

Informazioni e contatti

Altitudine: m 21.
Abitanti: 4.061 (al 31 dicembre 2018).
Cap: 42047.
Mercato settimanale: lunedì.
Santo Patrono: Santa Vincenza e San Zenone (terza domenica di giugno).
Frazioni: Tullie.
telefono 0522 658011 - Municipio
sito web Comune di Rolo

Come arrivare

Rolo

In auto
Dal casello Reggiolo-Rolo dell'autostrada A22: km. 4.
Da Reggio Emilia: SP5 direzione Novellara-Reggiolo, poi proseguire in direzione Villanova-Rolo.

In autobus
Da Reggio Emilia, Piazzale Europa: autobus extraurbano n° 43.

 

Dove si trova

Situato nella pianura nord-orientale della provincia di Reggio Emilia, è distante 35 km da Reggio Emilia ed è prossimo al casello autostradale dell’autostrada Modena-Brennero.

Cenni storici

L'antico nome di Rolo, Ariolas, compare per la prima volta in un diploma longobardo del 772 e sembra tragga origine dalla voce latina areola, "piccola area", riferita probabilmente ad uno spazio coltivato in mezzo a boschi o ad altre terre incolte.

Nel Medioevo, invece, la popolazione tese ad agglomerarsi in nuclei abitativi, più facili da proteggere, in caso di necessità, con l’allestimento di fortificazioni: la presenza di un villaggio (Vico Rolesa) è ricordata da una carta notarile dell’anno 902.

Dal XV secolo al 1776, fu una piccola entità autonoma infeudata alla famiglia Sessi.

Cosa vedere

Rolo è un tipico paese padano caratterizzato da un centro storico con due lunghe file di portici che delineano l'arteria principale, Corso Repubblica, dove, oltre alla sede del municipio, si trova anche la chiesa parrocchiale di San Zenone; l’Oratorio seicentesco di San Saverio e poco lontana villa Resti Ferrari, dimora signorile abitata da ultimo dall'omonima famiglia, del XVI secolo.

Da non perdere

Il Museo della Tarsia, allestito presso il Municipio, è dedicato ai celebri "rolini", pregevoli mobili di legno intarsiato il cui artigianato si sviluppò tra il XVIII e il XX secolo.
Nel Settecento i mobili di Rolo erano richiesti in tutto il Ducato di Modena e Reggio; a cavallo tra Ottocento e Novecento, con il trionfo dell’Art Nouveau e della Belle Epoque, prendevano con successo anche la via dell’estero.

Cosa mangiare

Rolo produce ancora oggi piccole quantità di pregiato riso superfino “Riso-Rolo”. Oggi sono ancora qui le uniche riserie di tutta la provincia di Reggio Emilia. Le manifestazioni a tema che si svolgono qui ogni anno abbinano al riso altri prodotti del territorio quali la zucca e l’aceto balsamico tradizionale. Un altro piatto tradizionale è la torta di riso.

Appuntamenti

I primi di Rolo. Ultimo weekend di maggio.
Stands gastronomici con primi piatti tipici locali, mercato dell'arte e mostra-scambio oggetti da collezionismo, musica.

Fiera di San Simone. Quarto weekend di ottobre.
Rassegna Agroalimentare e Folkloristica. Sfilata storica, mostre, musica, antichi mestieri, prodotti tipici, luna park.

Links utili

I musei di Rolo
Le chiese di Rolo
Dove dormire a Rolo
Dove mangiare a Rolo
Tutte le schede di Rolo

I musei di
Le chiese di
Ospitalità a
Ristoranti a
Tutte le schede di